Rebecco Farm

Rebecco Farm

Il progetto prevede la riattivazione di un complesso rurale del territorio in località Rebecco (Lavone di Pezzaze) in chiave di supporto agricolo-ecologico- culturale alle azioni di sistema sia del progetto AttivAree che del PSL del GAL e più in generale delle politiche di Comunità Montana di Valle Trompia nel settore agro-alimentare e nel settore culturale con particolare attenzione ai servizi educativi. Il progetto è caratterizzato da una forte trasversalità sui campi della cultura identitaria e della coesione sociale del territorio.

Il progetto consiste, in prima istanza, nel recupero architettonico di tre corpi di fabbrica oggi in stato di abbandono e parzialmente crollati, di superficie coperta pari a circa 300 metri quadrati acquisiti alla disponibilità pubblica attraverso un convenzionamento ventennale, in modo da conservare e valorizzare le caratteristiche costruttive tipiche dell’edilizia rurale del luogo.

Il sito così riabilitato è destinato a diventare un Centro di Valorizzazione e Sviluppo della Cultura Rurale del Territorio attraverso la gestione da parte di un soggetto (presumibilmente un’aggregazione di cooperative/ditte/agenzie che operano nei diversi settori interessati: agricoltura, formazione, cultura e sociale) da selezionarsi nel corso di un percorso di progettazione partecipata che si svilupperà contemporaneamente alle procedure di restauro, in modo da divenire operativo ancora prima della fine dei lavori, e potendo nel frattempo utilizzare gli spazi agricoli esterni agli edifici per avviare le attività di produzione agraria.

Rebecco Farm, vista la posizione strategica permetterà di essere strutturato come un centro di accoglienza e interpretazione del territorio che rimanderà a tutti i punti attivati nell’area interna e già presenti nell’offerta museale ed ecomuseale.

Soggetto/i attuatore/i: Comunità Montana di Valle Trompia, Società Civitas s.r.l (società in house di CMVT che gestisce sia i servizi sociali che culturali associati) e GAL (per gli aspetti legati all’agricoltura e ai servizi di sostegno e integrazione al reddito). Il soggetto attuatore della parte gestionale sarà un consorzio cooperativo o ATI di cooperative/ditte dei diversi settori coinvolti nel progetto (coop. Sociali, agricole, culturali, agenzie formative) selezionato al termine di un percorso di progettazione partecipata del modello gestionale, mediante selezione pubblica finale.

Soggetti partner coinvolti: tutti i comuni interni all’area della Valle Trompia

Aderenti alla rete coinvolti: Sistema dei beni culturali e ambientali di Valle Trompia (composto dal Sistema bibliotecario, archivistico e museale oltre che dall’Ecomuseo di Valle Trompia), Gal Golem Valle Trompia e colline prealpi bresciane, Consorzio Nostrano DOP, Consorzio Forestale di Nasego, Cooperativa Ecotecnica Valtrumplina; Sistema Turistico la via del ferro dalla Valle Trompia a Brescia; Caseificio sociale Valsabbia, Agenzia formative e Istituti scolastici del territorio, Consorzio Valli, Sezione Coldiretti Brescia, CIA Brescia, Università degli studi di Milano – Facoltà di Agraria sede di Edolo, Rete lombarda degli ecomusei, ERSAF, Uffici regionali presso lo STER di Brescia dedicati al settore agricolo, Provincia di Brescia per gli aspetti turistici, CTS. La fase gestionale prevede il coinvolgimento di soggetti cooperativi sociali con esperienza nel settore agricolo, come ad esempio: Cascina Clarabella di Iseo, Cooperativa il Calabrone di Brescia, Cooperativa Via del Campo

Comune/i coinvolto/i: l’immobile si trova in Località Rebecco, frazione di Lavone in comune di Pezzaze in Valle Trompia

Costo totale: 712.500,00€

#culturarurale, #salvaguardarelatradizione, #innovazionedimodello, #valorizzareilterritorio, #progettazionecondivisa

Allegati