Tutela idrogeologica

Tutela idrogeologica

L’intervento prevede l’individuazione delle situazioni maggiormente critiche in materia di difesa del suolo, sicurezza idraulica e stabilità dei versanti tramite la redazione di uno studio dettagliato e lo sviluppo di interventi risolutivi sul territorio, di concerto fra le due comunità montane. Le due Comunità Montane, per ovviare alla cronica carenza di fondi destinati alla manutenzione ordinaria del territorio, hanno avviato da alcuni anni con successo la gestione associata del Reticolo Idrico Minore, facendosi delegare dai comuni che ne sono diventati titolari per legge regionale dal 2001. Nonostante questo importante contributo economico ed organizzativo le necessità del territorio superano abbondantemente le risorse disponibili e spesso pertanto non possono essere evase completamente neppure tutte le prioritarie necessità di manutenzione ordinaria. La maggior parte degli interventi si colloca in zone abitate ed in prossimità di edifici.

Vista la specificità dell’azione e visto che l’obiettivo è quello della cooperazione e sicurezza nelle aree fragili, la tutela idrogeologica diventerà anche uno dei temi centrali dell’aggiornamento dei PAES (Piani d’Azione per l’Energia Sostenibile) dei Comuni dell’area interna che si completerà inoltre con  il passaggio al nuovo PAESC (Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile e il Clima) che prevede un approfondimento sulla vulnerabilità e resilienza del territorio.

Soggetto/i attuatore/i: Comunità Montane di Valle Trompia e di Valle Sabbia

Aderenti alla rete coinvolti: Comuni, gruppi di Protezione Civile ed Antincendio boschivo dislocati nel territorio delle aree interne

Comune/i coinvolto/i: Gli interventi di tutela idrogeologica sono distribuiti omogeneamente nell’area interna e la loro localizzazione definitiva rispecchierà il piano delle priorità che emerge dall’analisi del territorio e delle sue fragilità, riportati nello studio dettagliato.

Costo totale: 590.000,00€

#suolosicuro, #vacanzasicura, #percezionedelrischio, #vallinsicurezza, #culturadelterritorio