Arte e artigianato nei territori montani. Pratiche di resilienza

L'architetto e direttore artistico del Distretto Culturale di Valle Camonica, Giorgio Azzoni, racconterà alcune esperienze significative, attivate nel suo territorio, da cui trarre spunto per pratiche concrete di resilienza. Il focus dell'intervento toccherà alcuni casi di arte pubblica che favoriscono il dialogo fra radici storiche e cultura contemporanea.

Il Distretto Culturale di Valle Camonica è stato il primo tra i Distretti Culturali approvati e co-finanziati da Fondazione Cariplo tra il 2009 e il 2010.

Giorgio Azzoni, architetto e docente di storia dell'arte, si è laureato con lode all’IUAV di Venezia, presso cui ha svolto per alcuni anni attività di ricerca in ambito didattico, progettuale e critico, studiando i fondamenti della modernità in architettura e nelle arti figurative.  Questi temi caratterizzano la sua ricerca e il suo lavoro, ispirato all'unità del sapere, scientifico e umanistico, e ai valori sociali.  Ha realizzato per Enti pubblici opere di recupero architettonico, curando in particolare gli aspetti artistici e culturali; per Istituti, Associazioni ed Enti pubblici attua progetti e iniziative di studio e valorizzazione del patrimonio storico e ambientale, collaborando con Università, Istituti di ricerca e studiosi di discipline diverse.  Ideatore e promotore di attività culturali riguardanti la storia dell'arte, l’architettura e il paesaggio, è autore di volumi e curatore di pubblicazioni sia di carattere scientifico che divulgativo. Collabora con le riviste AB (Atlante Bresciano), ISAL (Istituto per la Storia dell'arte lombarda) ed è corrispondente di ArchAlp /Rivista di architettura alpina dell'Istituto di Architettura Montana del Politecnico di Torino.  Si occupa particolarmente del rapporto tra tecnica e natura e dell'abitare come fenomeno originario, indagando le relazioni tra l’identità storica e il contemporaneo.  Dal 2008 è docente di Storia dell'Arte Moderna all'Accademia di Belle Arti Santa Giulia di Brescia e coordinatore delle attività culturali del Museo dell’Energia Idroelettrica di Cedegolo, (di cui è co-progettista, con studio Aura e Studio Azzurro), polo del musil (Museo dell’Industria e del Lavoro Eugenio Battisti di Brescia), di cui è componente il Consiglio d'Indirizzo. Dal 2009 al 2012 è stato docente di Didattica Museale all'Accademia di Belle Arti SantaGiulia di Brescia.

Responsabile dei progetti artistici del Distretto Culturale della Comunità Montana di Valle Camonica, ha coordinato progetti di ricerca storica e culturale ed è ideatore e direttore artistico della rassegna di arte pubblica contemporanea aperto_ art on the border, azione culturale fondata su saperi e valori ambientali.

La conferenza si terrà alle ore 18.00 e sarà ospitata a Villa Lucchini di Casto.